Prodotti e sistemi
per la verniciatura
di qualsiasi materiale

M-Uffa!


Le muffe sono organismi pluricellulari appartenenti al regno dei funghi, capaci di ricoprire superfici organiche e non; si riproducono per mezzo di spore, ovvero cellule riproduttrici che germinando producono un nuovo individuo, che disperdendosi nell’aria possono causare problemi di salute in soggetti sensibili quando presenti in quantità eccessive.

Vivere in ambienti umidi e caratterizzati dalla presenza di muffa espone al rischio di sviluppare disturbi respiratori, infezioni respiratorie, allergie e asma per l’effetto che possono esercitare sul sistema immunitario.

Sono esposti ad un più elevato rischio di problemi i soggetti con un sistema immunitario debilitato e/o maggiormente predisposto alle allergie.

La muffa tende a formarsi e proliferare in ambienti caratterizzati da un eccesso di umidità, che può essere dovuta a diverse cause:
• Strutturali, quali ad esempio perdite nei tubi, umidità di risalita negli scantinati o nei piani terra, o ancora pioggia che penetra a causa di danni al tetto o attorno ai telai delle finestre; in questi casi l’eliminazione della causa (riparazione del tubo, intervento con intonaco deumidificante, riparazione del tetto o sostituzione dell’infisso) comporta la risoluzione del problema.
• Temporanee, quali ad esempio il caso degli immobili di nuova costruzione, che possono inizialmente essere umidi se non si è atteso un tempo sufficiente a consentire l’eliminazione dell’acqua in eccesso dell’intonacatura. In questi casi sarebbe opportuno controllare con l’igrometro l’umidità dell’ambiente e quella delle superfici in cui compare la muffa. A questo proposito è importante considerare che il Ministero della Salute raccomanda di mantenere raccomanda di mantenere l’umidità relativa al di sotto del 60%, idealmente tra il 40% e il 50%, per inibire la crescita di ulteriori muffe; se necessario è possibile a questo scopo ricorrere a umidificatori di varia dimensione. Riportando l’ambiente al giusto livello di umidità la situazione tenderà gradualmente a normalizzarsi.
• Funzionali, quali ad esempio il verificarsi di fenomeni di condensa quando aria umida e calda viene a contatto con pareti fredde. In questi casi semplici accorgimenti possono fare una grande differenza in termini di salubrità degli ambienti:

  • usare quanto più possibile i coperchi sulle pentole durante la cottura (questo consente anche un risparmio energetico)
  • asciugare i vestiti all’aperto, evitando quando possibile di stendere in casaarieggiare periodicamente gli ambienti interni
  • applicare ventole estrattrici in ambienti a rischio, come bagni privi di finestra
  • chiudere la porta della cucina e quella bagno mentre si cucina/fa il bagno, arieggiando poi gli ambienti verso l’esterno per impedire che l’umidità creata si diffonda in casa.
Con questi interventi si limita la formazione di condensa dovuta a cause interne, ma non quella dovuta a cause interne, infatti la presenza di colonne di cemento armato o il posizionamento di una parete esterna verso nord determinano una maggior assorbimento di umidità dall’esterno.

Una volta individuata la causa specifica della muffa presente nella vostra abitazione è possibile trovare la giusta soluzione tecnica per risolverla. Alla Tecnovernici il nostro staff è a disposizione per un sopralluogo che consenta di capire meglio la problematica e per scegliere il giusto prodotto con cui effettuare il ripristino.

Nel nostro negozio potrete trovare tanti prodotti:
1) il pratico prodotto spray a base di candeggina per un pronto intervento rapido nei periodi di pioggia e freddo;
2) i prodotti tecnici decontaminanti che consentono una igienizzazione profonda della superficie e l’eliminazione della proliferazione delle spore in profondità;
3) gli additivi agli ioni di argento che conferiscono alle pitture e agli smalti un effetto immunizzante grazie all’azione antibatterica dell’argento:
4) le calci naturali che agiscono contro le muffe secondo due diverse modalità: da un lato la loro totale traspirabilità consente all’umidità presente nel muro di essere poi restituita gradualmente all’ambiente senza stratificarsi sulla superficie, dall’altro il loro elevato livello di alcalinità (ph=13) rende impossibile lo sviluppo di muffe, che generalmente si sviluppano in ambiente con ph compreso fra 4 e 10;
5) le pitture antimuffa nelle quali la presenza di biocidi inibisce la formazione delle muffe sulle pareti;
6) le pitture termoisolan
7) ti, nelle quali la presenza di microsfere cave crea una barriera che riduce lo shock termico interno-esterno, aumentando la temperatura della superficie verniciata.
.